Farmazone
Carrello vuoto
Registrati gratuitamente | Dati dimenticati? | Accedi

IN EVIDENZA

Disponibilità limitata

€ 15,03  -10%

22 pezzi

€ 2,15  -69,3%

Disponibilità limitata

€ 9,71  -25%

Disponibile

€ 21,17  -15%

INFORMAZIONI E ARTICOLI

La misurazione della pressione importante per controllare la salute
Ma quando e come effettuare la misura?
I soggetti ipertesi e gli anziani hanno la necessit di fare regolari e frequenti controlli. Per i soggetti sani il controllo utile per capire se si in buona salute,e va effettuato almeno quattro volte all'anno.

L'ipertensione arteriosa deve essere considerata il maggior fattore di rischio per quanto riguarda la malattia arteriosa a livello coronarico, cerebrale e renale: ma è un male che si può entro certi limiti prevenire ed è sempre curabile.

Quale pressione?
Per cominciare, chiariamo i termini: la pressione che qui interessa è quella del sangue che scorre all'interno delle arterie, a sua volta determinata da molti fattori (volume del sangue, gittata del cuore, resistenza del vaso eccetera). L'unità di misura adottata sono i millimetri di mercurio (sigla mmHg). Le pressioni che si misurano sono due: sistolica o massima, che corrisponde al momento in cui il cuore si contrae e pompa il sangue nei vasi, e diastolica o minima, che corrisponde al momento in cui il cuore si dilata per riempirsi. Di conseguenza, la pressione arteriosa si definisce con due valori: diastolica e sistolica scritti nella forma 140/90 mmHg, che si legge "140 su 90".




I valori della pressione arteriosa?
Quando una persona può essere definita ipertesa? Il valore soglia, negli anni, non è cambiato: se i valori sono inferiori a 140/90 non si è ipertesi, se sono uguali o superiori, sì. Tuttavia nel tempo, con il crescere dei dati disponibili, si è arrivati a distinguere situazioni differenti e quindi, in base alle ultime linee guida dell'Organizzazione Mondiale della Sanità si parla di:

  • Pressione ottimale: massima inferiore a 120 mmHg, minima inferiore a 80 mmHg
  • Pressione normale: massima inferiore a 130 mmHg, minima inferiore a 85 mmHg
  • Pressione alta normale: massima da 130 a 139 mmHg, minima tra 85 e 89 mmHg
  • Ipertensione lieve: massima da 140 a 159 mmHg, minima tra 90 e 99 mmHg
  • Ipertensione moderata: massima da 160 a 179 mmHg, minima tra 100 e 109 mmHg
  • Ipertensione grave: massima uguale o superiore 180 mmHg, minima uguale o superiore a 110 mmHg

Come misurare la pressione
Per concludere che una persona è ipertesa ci si deve basare su più misurazioni effettuate in diverse occasioni, perché la pressione arteriosa è uno di quei parametri fisiologici soggetti a variazioni anche rilevanti nel corso della giornata, così come per effetto di diversi fattori esterni e interni. Detto questo come va condotta la misurazione?
Queste sono le buone regole:

  • Il paziente, prima di procedere, deve poter restare seduto qualche minuto in una stanza tranquilla
  • Il medico deve usare un bracciale adatto alle dimensioni del braccio
  • Se c'è il sospetto di qualche disturbo della circolazione periferica, la misurazione, la prima volta, va condotta su entrambe le braccia
  • Durante la misurazione, il bracciale deve trovarsi all'altezza del cuore, indipendentemente dalla posizione del paziente
  • Negli anziani, nelle persone che soffrono di diabete e in altre situazioni in cui è probabile una diminuzione della pressione in posizione eretta la pressione va misurata in piedi

L'automisurazione
Se è stata diagnosticata l'ipertensione, l'autocontrollo è importante, ma a patto di rispettare alcune regole.
Meglio automisurarsi la pressione a casa propria, perché è comunque necessario osservare quel rilassamento di 5 minuti di cui si diceva sopra, e in farmacia non è così semplice ottenere le stesse condizioni.
Meglio scegliere un apparecchio automatico, perché quelli professionali richiedono una certa abilità, non fosse altro che per individuare, allo stetoscopio, i toni di Korotkoff, cioè i suoni sulla cui scomparsa ci si basa per stabilire la pressione diastolica. Gli apparecchi automatici visualizzano il risultato su un display o lo stampano. Il solo difetto di questi apparecchi è la tendenza a stararsi. Per questo ogni sei mesi bisognerebbe riportarli al negozio di sanitari per farli rimettere a punto.
Meglio annotare su una sorta di diario i valori rilevati, così da poter riferire al medico un credibile andamento della pressione nel corso del tempo.
E' il caso poi di ricordare che se si registrano valori di pressione normali, questo non significa che il paziente possa ridursi il dosaggio dei farmaci o, peggio, sospenderli a suo giudizio. In fatti la pressione è nella norma proprio grazie al farmaco. L'ipertensione è una condizione cronica che va curata vita natural durante.




La prevenzione
Per la prevenzione è importante la riduzione del sale negli alimenti, facendo anche attenzione al sale nascosto in alcuni cibi (alcuni salumi e formaggi, aringhe, alimenti in salamoia... ), l'attività fisica giornaliera, l'eliminazione di altri fattori di rischio come il fumo e gli elevati livelli di colesterolo.
Quando le norme alimentari e di vita non riescono a mantenere entro valori normali la nostra pressione, allora abbiamo a disposizione numerosi ed efficaci farmaci che permettono di normalizzare i valori pressori: il trattamento dell'ipertensione arteriosa deve essere efficace, protratto e controllato: è bene sapere che solo raramente l'ipertensione guarisce, per cui è un errore interrompere il trattamento farmacologico una volta raggiunta la normalità; inoltre il trattamento deve essere controllato, per monitorare l'efficacia e la tollerabilità del trattamento, così da operare tempestivamente gli opportuni aggiustamenti terapeutici.

Per gli anziani e gli ipertesi in trattamento farmacologico è richiesto un controllo frequente della pressione. Sarà il medico ad indicare con quale frequenza procedere alla misurazione.
E' consigliabile anche agli individui sani e giovani effettuare almeno tre volte all'anno la misurazione della pressione, visto che una pressione elevata non sempre si manifesta con disturbi evidenti come ronzii auricolari, forte cefalea, stanchezza.
La misurazione della pressione in farmacia viene effettuata con sfigmomanometri automatici ad elevata tecnologia e costantemente tarati e revisionati, in grado di misurare la pressione massima, la minima e le pulsazioni cardiache.



Cerca altri articoli
Farmazone by Longo & Patern srl - Partita IVA 02678410735
Migliorshop Farmacia - Copyright 2006 - 2017 Sfera Design - Milano. Tutti i diritti riservati.